Ars Vivendi, l’arte del vivere.
Un’arte che è quella di fare vino,
di dare vita ad una produzione di
grande levatura
e di ottima qualità.

Una tradizione antichissima
che risale all’età aurea di Aquileia
a cui si ispira l’intera azienda.

In un bicchiere
la storia di un vino,
della cantina che lo produce,
degli uomini che vi lavorano
e della qualità che essa esprime.

Cabernet

Ottenuto da uve al 100% Cabernet coltivate a capovolto, è un vitigno originario del Bordolese, che con le sue doti di resistenza alla pioggia ed alle alte temperature primaverili ed autunnali, conquistò a fine 800 la nostra tradizione viticola.
Le sue uve raccolte in epoca tardiva, vengono poi macerate per venti giorni fino all’esaurimento degli zuccheri; ciò gli conferisce un colore rosso rubino con marcate sfumature violacee ed un caratteristico profumo intenso ed erbaceo, rendendolo un perfetto vino per carni della grande cucina, cacciagione e formaggi stagionati.

Merlot

Ottenuto al 100% da uve Merlot coltivate a guyot, è un vitigno originario del Bordolese.
Il Marzotto, nella sua ‘’Ampelografia del Friuli’’ lo descrive come un’uva in grado di regalare ‘’vino di qualità sceltissima, pronto al consumo e profumato’’.
Prodotto con uve raccolte a mano, solitamente nella terza decade di settembre, è un vino dal caratteristico profumo intenso, leggermente erbaceo che richiama i frutti del sottobosco carsico.
Il colore rosso rubino che lo caratterizza, donatogli dalla macerazione sulle bucce per venti giorni e la sua morbidezza, conferitagli dall’affinatura in botti di acciaio, lo rendono un ottimo vino per arrosti e carni rosse, selvaggina e formaggi stagionati.

Chardonnay

Ottenuto unicamente da uve Chardonnay, importate dalla Francia a fine ‘800 e coltivato a guyot.
La macerazione per 24 ore a 10°C, la soffice pressatura, la fermentazione in botti d’acciaio e la conservazione con metodo ‘’sur lie’’, donano un colore giallo paglierino con lievi riflessi dorati.
Il vino così prodotto si apre al palato con sapori che richiamano la mela verde, la banana e il miele, mentre si chiude con dei sentori di vaniglia.
Queste caratteristiche organolettiche rendono il vino un perfetto compagno per aperitivi ma anche per piatti a base di uova, pesce e carni bianche.

Malvasia

Ottenuto al 100% da uve Malvasia istriana, vigneto autoctono della regione Friuli Venezia Giulia e coltivato a guyot.
Il vino ottenuto da pressatura soffice, vinificazione in vasche d’acciaio e conservazione ‘’sur lie’’ presenta un colore giallo paglierino con leggeri riflessi verdognoli.
Al palato si presenta persistente, ma allo stesso tempo lascia spazio ad eleganti ricordi di frutta tropicale, rendendolo perfetto come aperitivo, ma anche per essere gustato con risotti, minestre cremose e piatti di pesce.

Giuliano

Ottenuto da uva Tocai Friulano, è il vino più rappresentativo del territorio.
Le uve coltivate a guyot producono tramite pressatura soffice, macerazione fino 48 ore a basse temperature, fermentazione in vasche d’acciaio e successiva conservazione sur lie, un vino giallo paglierino, luminoso e con riflessi citrini.
Si presenta intenso e persistente con spiccati sentori di fieno, mandorla, chiudendo con il ricordo della mela Golden matura.
E' un vino morbido, con un ottimo equilibro di sapidità, che lo rende piacevole sia come vino da aperitivo, sia come accompagnamento per affettati, formaggi ma anche piatti di pesce e minestre.

Pinot Grigio

Ottenuto totalmente da uve Pinot Grigio, varietà nota anche come Ruländer e introdotta nel Goriziano nella seconda metà dell’800 con ottimi risultati grazie al suo buon adattamento ai nostri terreni alluvionali.
L’uva, coltivata a guyot, viene pressata sofficemente ed il mosto vino da essa estratto viene conservato ‘’sur lie’’ fino all’imbottigliamento.
Il colore caratterizzante questo vino è il giallo paglierino con dei riflessi citrini, mentre al palato si presenta morbido e con una equilibrata sapidità, rendendolo così un ottimo vino da aperitivo, formaggi freschi e piatti di pesce.

Sauvignon

Ottenuto unicamente da uve Sauvignon, vitigno francese coltivato nella regione del Bordolese, introdotto nel Goriziano a metà dell’800 e caratterizzato da una robusta vegetazione e una produzione costante.
Le uve coltivate a guyot vengono, dopo la raccolta esclusivamente a mano, macerate dalle 24 alle 42 ore e poi sofficemente pressate per donare così un prodotto dal colore giallo paglierino e dai riflessi verdognoli.
Al naso si apre con profumi che ricordano i fiori di sambuco, il peperone verde, la salvia, mentre si chiude con note che richiamano la frutta esotica e l’ananas in particolare.
La sua vivacità al palato lo rende un vino perfetto per accompagnare piatti a base di uova, pesce e crostacei.

Rosè

Ottenuto da uve all’80% Cabernet e 20% Merlot coltivate a guyot, macerate per dodici ore a una temperatura di 10˚C e successivamente pressate sofficemente e fermentate in botti d’acciaio a temperature controllate.
Ciò dona al vino un colore rubino chiaro con dei riflessi violacei, e lo rende al naso delicato ed elegante, facendo sì che si presti ad aperitivi, ma anche ad antipasti di mare, al pesce e a carni bianche.

TOCAI, FRIULANO…GIULIANO!

Il vino Tocai era un simbolo della viticoltura della nostra regione.
Identificava unicamente un vino ottenuto da un vitigno preciso, ben diverso da quello impiegato della regione ungherese situata nei pressi della cittadina Tokaij.

In seguito all’azione ungherese, per superare il dilemma del nome mancante da attribuire al vino prodotto da vite tocai, vignaioli ed istituzioni regionali hanno deciso di utilizzare un nome che riportasse immediatamente alla provenienza territoriale: Friulano. Coerentemente con questa scelta, abbiamo deciso di chiamare il nostro prodotto, ottenuto da viti Tocai, con un’identificazione che riportasse in modo chiaro ed univoco al territorio su cui è situata la nostra azienda: Giuliano.

La zona Isonzo appartiene, in larga parte, al territorio denominato Venezia Giulia ed è su questo suolo che le nostre viti Tocai producono le nostre uve.
Uve caratterizzate dalla crescita in un microclima temperato dall’Isonzo e rinfrescato dalle brezze marine e dall’aria fredda che scivola dai costoni carsici.
Un microclima di per sé unico nella nostra regione, un microclima giuliano.

Olio

I nostri ulivi e le olive che producono,
crescono in un territorio prezioso:
il Carso.
Questa terra, caratterizzata da un microclima unico,
si posa ai piedi delle vallate carsiche
bagnate dal Mar Adriatico e spirate dalle sue brezze.

Da qui deriva uno degli olii prodotti più a nord in Italia
ed è, grazie alle caratteristiche della zona,
definito da un colore verde dorato e dal profumo e sapore pungenti.

Queste caratteristiche lo rendono un olio che si sposa egregiamente
con ogni tipo di pietanza,
soprattutto con le carni delicate e il pesce.